SENSIBILIZZAZIONE ALLA COMUNICAZIONE NON VERBALE

PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO FORMATIVO PER EDUCATORI E INSEGNANTI

Un insegnante che abbia potuto sperimentare su se stesso le proprie possibilità (ma anche i propri limiti) a livello corporeo, espressivo, sarà agevolato nel lavoro (individuale o di gruppo) con l’alunno e sarà in grado di inviargli messaggi e proposte educative più coerenti e autentiche.

OBIETTIVI
  • Condurre gli insegnanti attraverso una ricerca su se stessi, ad acquisire una metodica di lavoro arricchita da competenze che permettono di cogliere i bisogni e le richieste di aiuto dell’alunno in difficoltà, nelle sue manifestazioni corporee cioè motorie ed espressive.
  • Condurre gradualmente gli insegnanti a padroneggiare una metodologia osservativa mirata e partecipe: osservazione mirata all’espressività dell’alunno negli aspetti motori, cognitivi, e affettivi; osservazione partecipe con la consapevolezza che interagisce comunque l’insegnante osservatore con l’alunno (osservato) e che ogni messaggio educativo oltre che sul piano verbale si realizza anche su quello tonico gestuale (corporeo). Così in un’ottica psicomotoria, sarà più agevole leggere l’espressività di un bimbo o alunno disabile, una persona in cui i tre aspetti (motori cognitivi affettivi) per una causa o un insieme di concause non si sono sviluppati armoniosamente.

TEMATICHE
  • Linguaggio corporeo e comunicazione non verbale.
  • Linguaggio corporeo diretto: postura, gesto, voce, sguardo.
  • Dialogo tonico e messaggi che la tonicità invia.
  • Riscoperta dell’attività motoria spontanea e del gioco
  • Riscoperta dell’oggetto come mediatore di relazione con il mondo esterno a livello emotivo, affettivo, cognitivo ed operativo
  • Ascolto del sé corporeo: detensione e rilassamento.

METODOLOGIA
Lavoro in gruppo; dall’attività pratica “vissuta” si passerà attraverso la verbalizzazione, dapprima ad una iniziale presa di distanza a livello emotivo e dopo a momenti di approfondimento teorico.
Potranno anche essere discusse eventuali applicazioni nel contesto educativo.

PARTECIPANTI
Da un minimo di 10 ad un massimo di 20; abbigliamento comodo (es¸tuta e calze antiscivolo). Ogni partecipante porterà un plaid grande o una coperta.

TEMPI
Quattro/cinque incontri di tre ore ciascuno per un totale di 12/15 ore, date da stabilirsi, cadenza periodica.



Dottoressa Marita Carla Galli
Psicologa, Psicoterapeuta Psicomotricista.
Comments